Cosa prova chi tradisce

Cosa prova chi tradisce? Tradimenti VERI tra sentimenti ed emozioni

Il tradimento è un affare complesso per molti. Per altri, invece, è la cosa più semplice e naturale del mondo. Ma cosa prova chi tradisce? Come si sente e perché ad alcuni piace così tanto?

Esplorare la psicologia del tradimento vuol dire compiere un viaggio nei rapporti interpersonali, fra fidanzati o sposati che siano, cercando di comprendere motivi, storie e situazioni varie.

E sì, parliamo proprio di situazioni varie perché anche la stessa persona, se presa in una relazione anziché un’altra, può, tradire per motivi decisamente differenti in un caso o nell’altro.

Affrontiamo assieme l’argomento discutendo su:

  • Mi piace tradire, è normale?
  • Le statistiche in Italia
  • Cosa prova chi tradisce il proprio partner
  • Voglio tradire la mia ragazza, la storia di Marco
  • Voglio tradire il mio ragazzo, la storia di Lucia

Mi piace tradire, è normale?

È una domanda più che legittima, non preoccuparti. Non tutti affrontano il tradimento con leggerezza o, almeno, alcuni ci pensano un po’ più del dovuto su certe e cose. Di conseguenza, farsi certe domande è naturale.

Il tradimento è un meccanismo quasi inconscio, insito nella natura umana ed animale. Fa parte di quei retaggi primitivi istintuali, che spingono a andare di fiore in fiore per continuare la specie. Ciò avviene a livello istintuale, ovvero quale programmazione genetica.

Oggi l’uomo moderno dovrebbe aver superato certi istinti, ma in realtà la maggior disinibizione della sfera sessuale e i continui stimoli, di fatto alimentano costantemente questi impulsi.

Ad esempio, fino ad una manciata di decenni fa era impensabile che internet ed i siti di incontro riuscissero a far conoscere in maniera semplice e veloce persone alla ricerca di sesso occasionale. Eppure, possiamo dire che oggi è quasi la prassi passare dal web per incontrare l’amore o qualcuno con cui andare a letto una volta e via.

Dunque, se ti piace tradire non ne fare un dramma, perché non sei tu: è la tua natura. Certo, occorre anche la consapevolezza che certi comportamenti possono rovinare le relazioni stabili, ma non è detto che sia sempre così (e a breve potrai leggere le nostre storie e capire cosa intendiamo).

Le statistiche in Italia

Gli italiani sono per definizione un popolo di latin lover, tant’è che è anche un classico cliché estero.

Effettivamente, se si guardano i dati rilasciati dall’Associazione Matrimonialisti Italiani, ben il 40% dei divorzi nel nostro Paese avviene a causa di un tradimento. Nella maggior parte dei casi, circa nel 60%, tradisce sul luogo di lavoro, ma restano ancora gli uomini quelli maggiormente inclini a mettere le corna.

Ancora, le statistiche rivelano che è in città che si tradisce di più, con Milano in testa al Nord e Napoli al Sud.

Cosa prova chi tradisce il proprio partner

Come si sente chi tradisce? Cosa frulla nella testa del traditore? Così come anticipavamo in apertura, le emozioni e le sensazioni legate al tradimento possono essere davvero variegate, concentrate più che altro su dinamiche personali che, spesso, poco hanno a che fare con la relazione.

Si tradisce per noia, per incompatibilità, perché non si vuole lasciar scappare l’occasione di una sveltina, perché l’amore è finito: ciascuno di questi motivi può spingere a considerazioni e stati d’animo molto personali, ma non è detto che siano universali, anzi.

In linea generale, possiamo però definire una serie di situazioni e sentimenti tipici legati al post tradimento, ovvero:

  1. Senso di colpa
  2. Rabbia
  3. Senso di benessere
  4. Eccitazione

Si evince già da qui, che si tratta di sentimenti molto diversi fra loro, che spingono anche a comprendere meglio – ancora una volta – che la natura del tradimento è talmente ampia e vasta che non la si può etichettare.

1# Provare un senso di colpa dopo aver tradito

È una delle evenienze possibili che seguono il tradimento, ovvero il senso di colpa per aver messo le corna al proprio partner, a prescindere che ci sia o meno lo stesso sentimento d’amore forte presente all’inizio della relazione.

Spesso, infatti, non basta dire “Voglio tradire la mia ragazza perché non la amo più” o “Voglio tradire il mio ragazzo perché mi ha tradito con un’altra” per evitare il senso di colpa, anzi. È un qualcosa che fuoriesce e che fa parte della nostra educazione e dei comportamenti sociali: a livello comunitario, sociale appunto, tradire è considerato in maniera negativa e giudicato.

Oltre al condizionamento sociale, sussiste anche un’altra situazione, ovvero quella di provare un senso di colpa perché magari si ama il partner e ciò che è successo è stato frutto di una sbronza o di una situazione mal gestita che ha preso il sopravvento.

2# Provare rabbia nei confronti di se stessi

Quando si tradisce, non ce la si può prendere con nessuno che non sia se stessi. La rabbia è un sentimento molto negativo, decisamente più “esplosivo” del senso di colpa, ma di sicuro non meno logorante.

Di solito, la rabbia può nascere non solo dall’aver messo le corna al partner, ma anche da condizioni particolari. Ad esempio, tradire con l’ex il proprio marito o moglie ci fa sentire arrabbiati perché magari abbiamo fatto tanti sforzi per allontanarci da quella persona, ed ecco che è bastato un niente per ritrovarcela di nuovo piombata nella propria vita.

Naturalmente, si può provare rabbia anche perché si è consapevoli che quel gesto può mettere a repentaglio il proprio matrimonio e non lo si vuole. O, ancora, perché andare a letto con uno sconosciuto ci è piaciuto, e non ci si sente affatto in colpa come si dovrebbe (o come la società impone).

3# Senso di benessere dopo una scappatella

Mogli e mariti cornuti se ne facciano una ragione: il senso di benessere che scaturisce in molti dopo il tradimento è forse fra le più gettonate situazioni di sempre.

Scaricare le energie sessuali, liberarsi delle inibizioni di un rapporto monotono e tradizionalista fa stare bene, rilassa corpo e mente e carica la sfera del sesso in maniera pazzesca.

Per tanti traditori il sesso è fine a se stesso, un modo per rilassarsi, per sfogarsi, un po’ come andare in palestra e sollevare pesi per mandare via lo stress, ma molto, molto più divertente! Le endorfine rilasciate dopo un rapporto sessuale fanno stare bene e questa sensazione si riversa in maniera positiva su ciò che abbiamo intorno.

Dunque, non deve stupire che chi tradisce possa farlo o lo faccia anche solo per questo, per stare bene con se stesso e per ritrovare il proprio centro di gravità, riportando tale appagamento anche nella coppia.

4# Eccitazione a più livelli

L’eccitazione è una costante del tradimento: c’è prima, dopo e durante, anche se in misura e concezione diversa.

Questa eccitazione la si porta con sé e la si trasforma prettamente in energia sessuale, tant’è che la maggior parte di chi tradisce e vive tutto ciò in maniera serena, ammette che questa eccitazione la fa entrare poi in camera da letto con il proprio partner abituale.

D’altronde, le coppie aperte o le coppie scambiste insegnano che avere più partner “illegittimi” è un toccasana per la relazione, la rende più stabile, più interessante e più carica di passione.

Due storie per raccontare come si sente chi tradisce

Fra le tante storie che ci arrivano ogni giorno, ne abbiamo selezionate due, che rappresentano due modi di vedere, vivere e sentire il tradimento. Ciascuno con una propria personalissima interpretazione della stessa situazione.

Voglio tradire la mia ragazza, la storia di Marco

Marco e Camilla sono fidanzati da 3 anni e vivono in una grande città del Sud Italia.

“Sono innamorato di Camilla da sempre, credo. Eravamo vicini da casa da piccoli, le nostre mamme erano amiche e abbiamo passati centinaia di pomeriggi a giocare nel giardino di casa loro.

Da adolescenti, poi, è scattata la scintilla. Il primo bacio e poi il tira e molla che ci ha seguito, nel corso del tempo, fino alla soglia dei 28 anni. Siamo andati a convivere proprio a quella età, dopo soli 6 mesi che ci eravamo messi insieme “ufficialmente”. Le cose andavano e vanno bene, anche in camera da letto, e l’amore non è mai mancato, decisamente.

Per fortuna o purtroppo viaggio molto per lavoro, e resto fuori casa anche per settimane intere. Ciò mi porta a conoscere tanta, tantissima gente e donne bellissime. Nonostante l’amore per Camilla, l’ho tradita più di una volta, molto più di quanto mi piaccia ammettere.

È una cosa che non so spiegare: non voglio farlo, ma lo faccio lo stesso. In quei momenti mi lascio semplicemente trasportare. E dopo sto da schifo, davvero.

A lei non l’ho mai confessato e mai lo farò. Lei per me è tutto e il sesso occasionale è solo uno sfogo fisico, non può competere. Certo, mi sento frustrato e a volte addirittura rabbioso e questo circolo vizioso mi spinge a farlo ancora, ma è una cosa solo mia che non voglio che intacchi la relazione.

Forse un giorno cambieranno le cose, forse smetterò di tradirla. Intanto, mi giostro in equilibrio.”

Voglio tradire il mio ragazzo, la storia di Lucia

Lucia e Marcello sono sposati da poco, ma stanno insieme da 7 anni. Entrambi vivono in una città del Centro Italia.

“Sono stata educata in maniera molto tradizionalista, forse per questo da grande la mia vita sessuale è stata dedita al libertinaggio assoluto. Volevo staccarmi da quella convenzione della donna casa e chiesa che mi avevano a forza inculcato e nella quale io, sinceramente, non ho mai creduto.

Con Marcello ho una relazione da tempo, siamo insieme da circa 7 anni e ammetto di averlo tradito ripetutamente. Perché? Perché mi andava di farlo, ecco tutto.

Come in ogni relazione, anche noi abbiamo avuto degli alti e bassi, è abbastanza normale. Però non mi sono mai posta il problema del tradimento in sé come un qualcosa che possa danneggiare un rapporto, anzi. Per me andare a letto con altre persone è vitale, mi dà la carica emotiva e sessuale per affrontare la vita di coppia. Fra me e quello che è ora mio marito da poco non ci sono problemi né relazionali, né a letto, soprattutto: a lui piace sperimentare ed anche a me.

Non mi sento in colpa e credo che lui, sotto sotto, sappia che frequento altre persone. Ma considerato che anche lui ha una mentalità molto aperta, credo che ciò sia trascurabile per entrambi. Se un giorno sarà un problema per me o per lui, sono certa che ne parleremo.

Intanto, lui si prende i benefici di una moglie rilassata nella vita e disinibita a letto. Vuoi mettere?”

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *